Iraq

Aaand now, ladies! aaand gentlemen: Ahmed Chalabi!

28 06 2004 - 06:01 · Flavio Grassi

Qui l’avete già letto più di un mese fa: la “caduta in disgrazia” di Ahmed Chalabi, con tutti i giochi pirotecnici che ne sono seguiti sui media non era altro che una mossa del gioco delle parti messo in piedi per rifargli una verginità in vista del presunto autogoverno iracheno.

Le dichiarazioni. Lo scandalo. Le perquisizioni. Le indagini. Le rivelazioni sulla sua attività di spia degli iraniani. Intanto però Chalabi era impegnato a scegliere i partecipanti alla Conferenza nazionale che dovrà nominare i componenti del parlamento provvisorio. E soprattutto era impegnato a mettere il veto ai candidati proposti dall’inviato dell’Onu Brahimi: ne ha bocciati più della metà.

Appena ha finito di firmare gli ultimi editti, Bremer ha messo via la Parker e fatto le valigie. Da oggi Allawi è il capo del mezzogoverno provvisorio. Chalabi aspetta il governo vero.

Ah, e naturalmente il suo nipotino e socio in affari Salem Chalabi è sempre a capo del tribunale speciale che sta organizzando il reality show planetario dell’anno, con la partecipazione straordinaria di Saddam Hussein.

Newsday

Commenti

non è più possible commentare questo articolo