Asia

Bangladesh: attentati, scioperi e repressione poliziesca

3 02 2005 - 09:30 · Flavio Grassi

Oggi a Dacca, capitale del Bangladesh, polizia ha malmenato e arrestato decine, forse centinaia di partecipanti a una manifestazione di protesta contro il governo. La manifestazione era stata organizzata dall’opposizione in seguito all’attentato della settimana scorsa nel quale Shah Mohammad Kibria, ex ministro delle finanze e ora leader dell’opposizione, è stato ammazzato a colpi di granate insieme a tutta la sua famiglia. Come già in passato, il governo nega ogni responsabilità ma non fa niente per cercare i colpevoli.

Intanto il governo indiano ha fatto sapere che non parteciperà al previsto vertice dei paesi dell’Asia meridionale previsto per la prossima settimana. Una buona mossa che, al di là delle spiegazioni diplomatiche – la situazione in Nepal e le preoccupazioni per la sicurezza – tutti hanno interpretato come uno schiaffo alle autorità del Bangladesh, che infatti si sono molto offese.

BBC News, Reuters, et al.

Commenti

non è più possible commentare questo articolo